+39 333 12 53 915 info@amromacarservice.com
venezia_rialto_0

Venezia in 24 ore: cosa vedere

 

Se hai solo un giorno per vedere questo gioiello dell’Adriatico, ci sono alcune regole di base che devi seguire. In primo luogo, essere selettivi. Non cercare di vedere tutto. Venezia, al pari di Roma e Firenze, è un tale tesoro che sarebbe impossibile da rendergli giustizia in un solo giorno. In secondo luogo, inizia il tour della città di buon ora, soprattutto nei principali siti d’interesse, prima dell’arrivo della folla di turisti. In terzo luogo, non cercare di andare ovunque a piedi. È faticoso, soprattutto in agosto quando le temperature sono al loro massimo. Con i servizi messi a disposizione da Am Roma Car Service, puoi esplorare le bellezze di Venezia quando e come vuoi. Invece, per le zone irraggiungibili in auto, puoi acquistare un pass giornaliero per vaporetti e traghetti. Infine, combina le visite ai siti principali con i luoghi fuori dai sentieri battuti dove puoi riprendere fiato e rilassarti. Ci sono molti posti nascosti a due passi dalle principali mete turistiche.

Piazza San Marco

piazza-san-marco-venezia

Un buon punto di partenza è Piazza San Marco, dove puoi perderti nel suo splendore prima dell’arrivo della folla a metà mattina. Napoleone la definì come “il più bel salotto di ricevimento d’Europa” e la vista dalla piazza avvalora certamente questa valutazione. Qui puoi ammirare i 900 anni di magnificenza della Basilica di San Marco e le sue cinque, splendide, cupole decorate che evocano la fusione dell’architettura romanica con quella bizantina.

Il lungomare

ponte-di-rialto-venezia
Se prosegui lungo il litorale, passato San Zaccaria sulla Riva degli Schiavoni, raggiungi il ponte che conduce all’Arsenale, il simbolo della forza militare della Repubblica di Venezia dal 12° al 16° secolo. Anche se è vietato l’accesso in questo complesso militare, la breve passeggiata vale la pena solo per vedere il meraviglioso arco di trionfo all’ingresso, la Porta Magna, affiancato da quattro leoni di marmo. Il caffè nella piazza antistante è buon posto per prendere una pausa e un caffè. Da qui, prendi il vaporetto per il Ponte di Rialto lungo il Canal Grande e ammira il ponte più importante di Venezia, costruito da Antonio da Ponte nel 1591. È uno dei simboli più rappresentativi di Venezia. Qui puoi visitare la chiesa della Madonna dell’Orto, vicino al Canale delle Fondamenta Nove. Questo è stato il luogo in cui Tintoretto ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa lasciando un patrimonio di capolavori tra cui il Giudizio Universale, L’Apparizione della Croce di San Pietro e il Martirio di San Paolo.

Il Ghetto

ghetto-venezia
Spostandoti a sud attraverso le Fondamenta della Misericordia, visita il Ghetto. Costruito nel 16 ° secolo come rifugio per gli ebrei provenienti da tutta Europa, qui la popolazione è stata ammassata in anguste abitazioni con le porte chiuse e sorvegliate ogni notte. Durante la seconda guerra mondiale, tutti gli abitanti furono deportati nei campi di concentramento e solo 8 sono sopravvissuti.

Lungo il Canal Grande

canal-grande-venezia
Da qui, prendi il Ponte de Guglie e vai verso Ferrovia, la principale stazione ferroviaria di Santa Lucia. Ora rilassati sul vaporetto lungo il Canal Grande e goditi il viaggio di ritorno a San Marco. Lungo l’arteria più importante di Venezia puoi vedere i bellissimi alberghi, i musei e circa 200 palazzi costruiti tra il 12° e 18° secolo. Alla fine della corsa, proprio di fronte a San Marco, si trova la chiesa dominante di Santa Maria della Salute, costruita come un segno di ringraziamento nel 1630 al termine di una terribile pestilenza che colpì la città causando la morte di 80.000 veneziani.

Se ti trovi a Venezia con Am Roma Car Service puoi personalizzare gli spostamenti come, dove e quando vuoi. Un nostro autista ti accompagnerà a destinazione con professionalità e discrezione, garantendoti un viaggio confortevole e piacevole. Prenota subito il tuo tour a Venezia o visualizza i prezzi.

Venezia in 24 ore: cosa vedere ultima modifica: 2016-07-20T11:39:22+00:00 da Martina Vitelli
Author Info

Martina Vitelli